Alla ricerca della formula felicità con la matematica!

Cosa è la felicità? Esiste e se esiste quanto dura? Come si identifica? Può durare per sempre? Esistono persone portate alla felicità? Cosa fai quando sei felice?Potrei continuare con una lista infinita di domande che riguardano questo aspetto della nostra vita, molti di noi rincorrono la felicità, è la confondono con la serenità, si tratta di due stati d’animo diversi, puoi essere sereno anche se non felice, perché credo che la felicità sia transitoria.

Non vi so elencare il numero di filosofi e scrittori che hanno tentato di dare una spiegazione a questo fenomeno emotivo, sono stati scritti trattati interi su questa parolina magica, e alla fine la risposta arriva non da cuore ma dalla mente, con la matematica. Facendo la premessa, che tutto è matematica, almeno possiamo creare la sintesi di quello che siamo anche con i numeri, partendo dal nostro corpo, e con la matematica è la logica, siamo riusciti anche a creare formule che riguardano la verità di un argomento, per poi provare a corroborarlo con altre formule matematiche, quindi se vogliamo, la matematica è parte integrante della filosofia. Uno dei miei filosofi preferiti, Rousseau diceva: “Tutti gli esseri umani vogliono essere felici; peraltro, per poter raggiungere una tale condizione, bisogna cominciare col capire che cosa si intende per felicità.”

Continua a leggere Alla ricerca della formula felicità con la matematica!

Dal bar più tecnologico del mondo…

Sono da poco inciampa paro in un articolo che riguarda la tecnologia per ambienti commerciali, in particolari si tratta di una storia che viene dalla Germania, infatti qui sarebbe in vita il primo Roby barman, cioè, in realtà tutto il progetto del bar mirava ad esedre qualcosa che identificasse la massima tecnologia del momento, per cui tutto quello che riguarda il bar è tecnologico, ogni angolo tutto sembra davvero stato progettato per essere unico e il numero uno dell’innovazione.

Il tema sembra proprio tutto quello che riguarda il mondo dell’innovazione. In tutto il mondo esistono bar tematici, esistono quelli di ghiaccio, oppure in stile medievale,B e ne sono davvero per tutti i gusti, esistono perfino dei bar che si ispirano ai personaggi di Walt Disney, altri invece al mondo dei cereali con latte. In quanto a creatività non ci facciamo mancare proprio nulla. Quindi, questo articolo riguarda davvero l’ultima in campo di conoscenza della tecnologia e della sua applicazione, per rendere la tua esperienza al bar, forse tra le più interattive mai sperimentate fino ad oggi.

Continua a leggere Dal bar più tecnologico del mondo…

Curiosità artistiche: l’arte con i bottoni

Probabilmente il mondo dell’arte è quello che ancora oggi permette una vera e propria rivoluzione e libertà di espressione, infatti un opera può avere moltissimi significati, gli artisti esperirono il loro genio e la loro creatività con qualsiasi cosa, il vero artista è in grado di utilizzare qualsiasi cosa per le sue creazioni, è la loro libertà consente loro di poter creare le cose più assurde, che si tratti anche di atti di sabotaggio o di denuncia, molto spesso l’arte diventa un arma anche per promuovere azioni positive, o per aiutarci a fare chiarezza sul mondo, e su noi stessi.

Tutto quello che non sapevi sui bottoni, puoi creare moltissimo con i bottoni, ci sono molte creazioni che si mettono a disposizione di questi oggetti, anche e soprattutto per i loro colori e le loro forme, l’ultima trovata in questi termini riguarda la creazione di ritratti con l’utilizzo di bottoni non appiccicati semplicemente, ma fatti scorrere su un filo come a formare delle collane di colori, che vanno poi a formare l’opera d’arte. Ci vuole molta attenzione ai dettagli, perché le opere sono molto grandi ma i bottoni molto piccoli, per cui bisognerebbe sempre prima organizzare il modo di mettere i bottoni insieme, anche per le diverse tonalità, quindi grande concentrazione, organizzazione e senso della forma.

Queste opere d’arte per ora, raffigurano i volti di alcuni attori famosi della Hollywood anni 60/70, come Audrey Hepburn e Marilyn Monroe, e sono opere di una certa grandezza. Per fare in modo di non sbagliare con la stesura dei bottoni colorati, l’artista sceglie prima di preparare i fili, sui quali farà successivamente scorrere i bottoni. Creazioni decisamente apprezzabili, e finemente curate, per un risultato davvero perfetto!

Iperrealismo con le dita!

Un’altra forma d’arte che si sta sempre più diffondendo riguarda l’iperrealismo, ora gli artisti sono in grado di creare dipinti che sono delle vere e proprie fotografie, i dettagli i colori, la perfezione delle linee, se ti dovesse capitare di guardare un tipo di dipinto del genere, capiresti a cosa mi sto riferendo, tra gli iperrealisti ci sono tecniche pittoriche diverse, chi utilizza i pennelli chi le dita, e in questo caso voglio parlarvi di chi utilizza le dita, ho scoperto di questa artista che crea dei paesaggi glaciali, specializzati in paesaggi tipo Lapponia o Islanda per farti capire, e i suoi dipinti sono davvero delle fotografie, incredibili, la somiglianza con la realtà, è tutto con il semplice utilizzo delle dita, una creatività e un’attenzione per i dettagli davvero incredibile.

Si tratta di uno studio che questi artisti molto spesso compiono sulle foto, è la maggior parte delle volte come nel caso di Zaira, compiono dei viaggi, e si innamorano di un particolare soggetto. Un altro tipo di iperrealismo riguarda i ritratti, molto spesso infatti gli artisti scelgono soggetti umani per la loro rappresentazione iperrealista, e il tutto come sempre viene fatto utilizzando olio su tela o altre tecniche pittoriche, eppure il risultato sembra molto più vicino a quello di una fotografia.

Animali strani: la roccia che respira

Esistono specie di animali davvero molto strane, mi sto riferendo a tipologie che vivono sia sulla terra che nel mare, strane creature che popolano la nostra terra, mi riferisco anche alla grandezza della natura, la sua enorme adattabilità e varietà, cerchiamo gli alieni al di fuori, ma esistono forme da vita, che per noi esseri umani sono al di fuori della natura, invece no.

Amo i documentari sugli animali e devo dire che li trovo davvero molto interessanti,ma mentre sulla terra ferma sappiamo già quasi tutto, perché possiamo esplorarla in maniera più dettagliata, il mare rimane uno dei luoghi più misteriosi al mondo, e mi riferisco al fatto che non abbiamo ancora avuto la capacità di poter studiare gli abissi, e se pensi che la terra è formata per lo più dal mare, dalle acque, puoi capire come è facile non saperne davvero molto.

Poco tempo fa sono inciampato in un articolo che armava di una specie di pesce o creatura marina, che mi ha fatto davvero venire i brividi. Per prima cosa, sono a conoscenza del fatto che molte creature marine, come alcune terrestri, abbiano la capacità di trasformarmi e di mimetizzarsi con la natura circostante, quindi premetto che mi è già capitato di vedere animali davvero molto strani, ma uno come quello che ho letto nell’ultimo articolo, non credevi davvero potesse esistere.

Partiamo dal presupposto che si tratta di una roccia vivente, denominata pyura chilensis , almeno esteriormente sembra una roccia normale, perché a guardarla sembra proprio questo, ma è molto di più. La parte esterna di questo animale ha la forma di una roccia, e ne ha pure l’aspetto, non sembra provenire dalla terra in realtà, ma è una creatura assolutamente terrestre.

In sud America mangiano anche la sua carne, perché quando la si taglia si scoprono organi e carne rossa, no ha l’aspetto della carne di un pesce. Non è particolare anche nell’aspetto, ma anche nella sua evoluzione, nel caso specifico, questo animale cambia sesso urlante la sua vita, da maschio si trasforma in ermafrodita, quindi una creatura speciale su molti fronti.

Gli insetti zombie: le api

Quante volte vi è capitato di leggere storie o guardare film sugli zombie? In realtà, nel mondo animali esistono, e non si tratta di una leggenda, e sembra proprio che le nostre amate e preziosissime api ne sappiano qualcosa, è molto dice il loro comportamento a riguardo.

Sembra che però a questo sia molto più facile dare una risposta, e sarebbe imputabile all’esistenza di un insetti che depone le sue uova all’interno di api e formiche, che una volta volta cresciute all’interno dell’animale mangiano i suoi organi, la natura è davvero spietata.

Sembrerebbe inoltre, che gli insetti si rendano conto di non stare bene, e questo risulta nel loro allontanarsi da casa, anche forse per proteggere il resto del gruppo.

Un’altra storia di insetti zombie, riguarda più strettamente le formiche, che infettato da un fungo particolare si trasformano in insetti zombie. Storie abbastanza macabre della natura, che però ci dovrebbero anche insegnare a rispettare la sua grandezza.

Soluzione al daltonismo: occhiali per i colori?

Come sappiamo, una buona parte della tecnologia si occupa di migliorare le nostre condizioni di salute, e oggigiorno siamo davvero riusciti in imprese titaniche, sopratutto in campo biomedico e per la ricostruzione di arti, o la rispedizione di organi. In maniera diversa si sono affrontati problemi come la vista per esempio, anche se grazie ai trattamenti laser, moltissime persone hanno per sempre detto addio a occhiali e lenti a contatto. Ci sono state moltissime invenzioni che hanno permesso alle persone di riacquistare le loro facoltà, anche attraverso i grandissimi passi della tecnologia, in campo medico, uno dei migliori utilizzi che se ne può fare, sicuramente.

In maniera diversa ci si è mossi verso un problema diverso, il daltonismo, il disturbo che impedisce di vedere dei colori come ho detto all’inizio, e affronterò l’argomento su questo problema più avanti. Per prima cosa mi voglio occupare del l’invenzione che potrà davvero cambiare il modo in cui i daltonici hanno sempre visto fino ad ora.

Un disturbo che affligge quasi 200 milioni di persone al mondo, determina la mancanza di percezione dei colori, e in alcuni casi il mondo per un daltonico il mondo appare tutto grigio.

Si tratta di occhiali che sarebbero in grado di fare vedere i colori così come sono ai daltonici, e si chiamano ENCHROMA, e inoltre sono in commercio delle lenti specifico secondo il tipo di daltonismo. Il loro funzionamento riesce a esaltare la frequenza della luce, che i daltonici, a seconda del problema, non riescono a vedere. Si tratta di una vera rivoluzione, americana, che permetterà ben presto a milioni di persone di vedere il mondo a colori, e per un daltonico deve essere una bellissima notizia.

Questo però è anche il caso in cui l’invenzione si fa pagare, infatti costano alcune centinaia di dollari, ma se pensi alla possibilità di vedere dei colori mai visti prima, il prezzo rispetta la loro capacità di salvezza, per le persone affette da questo disturbo.

La tecnologia alle spalle di questa invenzione non è stata per nulla semplice, così come il lavoro di ricerca, per cui sicuramente anche il prezzo ha un motivo, e dopotutto costa sempre meno di un televisore 50 pollici Led, per cui ne vale davvero la pena.

Qualcosa in più sul daltonismo…

Si tratta di una patologia visiva, che non permette di distinguere i colori verde e rosso, e si tratta di un disturbo genetico, che non guarisce utilizzando semplici occhiali o lenti a contatto.

Ci sono moltissime persone al mondo che ne soffrono, e ci sono forme diverse della patologia, perché ci sono casi gravi e meno gravi, nel secondo caso si può avere una quasi totale assenza della percezione del colore. Ci sono ovviamente varie forme della patologia, e gli occhiali ENCHROMA hanno lenti apposite, per tutti i disturbi dei colori, anche per questo si tratta di un’invenzione incredibile, perché hanno pensato davvero a tutti.

Capi che cambiano colore: dal reggiseno…

La moda no. Ci finisci mai davvero di stupire, questo sembra il caso delle ultime creazioni viste alle sfilate, durante le quali, gli stilisti possono letteralmente sbizzarrirsi nella frazione di opere d’arte uniche, anche se può capitare, di dubbio gusto o utilizzo, la creatività va sempre e comunque premiata. La bellezza della moda consiste proprio nel fare di un capo un pezzo che passa alla storia, e che forgi il nome del capo stesso, come se dovessi dire “il collo alla Chanel” a buon intenditore poche parole insomma.

Non sono in grado neanche io di definire tutti gli stili o i nomi dei tessuti, anche questo è un universo a parte, e nelle più moderne creazioni perfino la sprezzata carta igienica riesce a diventare un pezzo da sfilata alta moda, perché forse come ho scritto prima gioca sempre molto la creatività in tutto questo, per cui si tratta davvero di sperimentare, ecco cosa è la moda oggi, principalmente.

E diciamoci la verità, non ci dispiace per niente, anche perché forse oggi più che mai abbiamo davvero la possibilità di rischiare, almeno con la moda, le nostre fantasie creative più strane, dando vita a vere e proprie creazioni uniche, per ogni tipo di indumento. Tutto quello poi che fa moda, non deve essere necessariamente bello oggettivamente, ma anche solo un capo sfizioso, che per qualche tempo occuperà le copertine dei megazine e allora diventerà la moda del momento, e questo non è sempre alta moda.

Dopo questa introduzione, oggi ho scoperto che esiste una nuovissima creazione, intelligente, cioè un reggiseno che si trasforma di colore e forme una volta che si tocca qualcuno che indossa la stessa cosa, quindi ora sto parlando di una creazione ispirato al famosissimo film del,a Disney Frozenm e che è stato creato nel,a patria delle invenzioni più matte, il Giappone.

Tutto questa trasformazione nella decorazione, avviene tramite un inchiostro e un circuito elettrici, insomma, una lavoro che oltre ad entusiasmare i Giapponesi, non so quanto lontano potrà andare, ma in quanto ad inventiva si meritano un posto da podio.

Al maglione…

Un altro grandissima invenzione, molto curiosa, riguarda l’ultima creazione in fatto di moda, che concilia il nostro stato d’animo con il colore.  Siamo lontani dal Giappone, ci troviamo in America, e l’invenzione riguarda un maglione che sarebbe in grado di rivelare il modo in cui ti sente, e prenderebbe quel colore, quindi sarebbe in grado di definire di che umore vi sentite in quel momento.

Tutto nasce da una designer americana, che ama tutto quello che riguarda la tecnologia interattiva, e in questo particolare caso, il maglione riesce tramite elettrodi, a determinare alcuni fattori, che aiutano a predisporre il colore, in base al tipo di umore del momento.

In questo modo si sono scelti il colore verde come indice di serenità, il blue per il relax, il giallo per entusiasmo, il rosso per ansia/nervosismo, il viola per l’eccitazione. Una volta indossato, il maglione magico sarà in grado dopo poco, cioè dopo aver rilevato i dati che gli interessano, di poter stabilire il vostro umore!

Guidare con la mente: elicottero telepatico?

Le innovazioni che arrivano dal mondo della tecnologia, sembrano davvero non finire mai, la nostra creatività riesce a dare sfogo alle creazioni più incredibile, molte della quali fino a pochi anni fa potevano essere considerate da vera fantascienza. Oggi, per esempio puoi controllare e guidare oggetti con la mente, oppure profumare la tua pelle mangiando delle caramelle che ti faranno sudare profumo, non scherzo è tutto vero.

Per prima cosa, sono sempre stata molto affascinata dal mondo dei droni è da tutto quello che riguarda la tecnologia meccanica ed elettronica, in pochissimi anni siamo riusciti a fare dei passi da gigante su questo argomento, e perfino il grande Amazon, ha pensato di istituire una nuova forma di corriere, cioè degli elicotteri, i droni, che riescono a viaggiare da soli, portando nei giardini delle persone, ciò che hanno acquistato online grazie a questo rivenditore online.

Ci sono stati però problemi relativi al possibile furto di drone e oggetti acquistati, ma Amazon ci sta lavorando, e molto probabilmente questa nuova invenzione interesserà parecchio colori interessati alle spedizioni con elicotteri oppure semplicemente per chi ama l’interattività della tecnologia. Pensa a quante volte ti sarebbe piaciuto poter controllare le cose con il pensiero, sembra una cosa surreale, ma un gruppo di ricercatori ha ideato il primo meccanismo, in grado di funzionare con la forza del pensiero.

Si tratta di una grandissima possibilità, che si sta aprendo ai nostri occhi, controllare un oggetto meccanico con il pensiero, incredibile davvero, è tutto questo sarebbe reso possibile da un casco indossato dal pilota, al quale sono attaccati degli elettrodi che comunicano la volontà, tramite le onde cerebrali, che determinano l’azione è il movimento dell’elicottero. Quindi, questo oggetto super tecnologico, può decollare, atterrare è girare solo con la forza del pensiero, una grandissima rivoluzione i termini di tecnologia.

Diciamo anche che non si tratta del primo tentativo di comandare con la forza del pensiero, ma si tratta della prima volta che ci si riesce così bene, riuscendo a muovere completamente un oggetto meccanico con la volontà delle nostre onde cerebrali. Se si pensa che potrebbe essere la nuova strada anche per una riuscita da un punto di vista medico, si potrebbero aiutare moltissime persone, che hanno perso la facoltà della parola, per esempio.

Mangiare caramelle e ti profuma la pelle?

Lasciando il mondo del pensiero, arriviamo ad un altra grande scoperta, sono state create delle caramelle che hanno la facoltà di far profumare la pelle, perché traspirano una volta mangiate.

In questo caso, non si avrebbe più bisogno del profumo, basterebbe solo mangiare una gustosa caramella e profumare, specificatamente, si utilizza il geraniolo, che a detta degli esperti ha la stessa capacità di traspirazione dell’odore come il famoso aglio, che fa tanto bene ma che purtroppo si sente sulla pelle dopo averlo mangiato.

Il principio è proprio questo, forse stiamo davvero tornando alla rivalutazione delle piante, in chiave assolutamente innovativa, un esperimento che se andrà a buon fine arriverà dalle nostre parti in men che non si dica.

Siberia: La maratona del freddo

Nella maratona molto spesso il fisico viene messo a dura prova, infatti molto spesso gli atleti che praticano questo sport hanno moltissima resistenza, e il loro corpo funziona davvero molto bene, solitamente un maratoneta ha un fisico asciutto ma molto resistente, proprio per i lunghi tratti ai quali si sottopone. Chi ama e/o pratica questo sport dovrebbe sapere che la maratona più impegnativa del mondo, considerate le temperature, si svolge in Siberia sul lago Baikal.

Sono ben dieci anni che gli atleti competono su questo lago, e in realtà ci sarebbe un motivo anche nobile dietro quest’ora grandissima fatica, cioè sarebbe nata per migliorare la sensibilizzazione all’acqua potabile, considerando che si sta affrontando un posto con condizioni climatiche molto dure. Anche se la maratona sistole su una superficie piana, il lago, lo costeggia per una lunghezza di più di 40 km e ad una altitudine di quasi 200 metri, oltre che il freddo siberiano, anche il vento ci si mette a rendere la corsa per i corridori ancora più difficile. Per evitare qualsiasi problema, questa maratona viene organizzata nei più minimi dettagli, pensando ad ogni possibile evenienza, di modo da poter anche serre d’aiuto agli spettatori e ai corridori.

Anche le ispezioni che riguardano lo spessore del ghiaccio e la sua solidità, devono essere re ben accertate, anche per l’impatto di molte persone che corrono su di esso, dopotutto è pur sempre un lago, ma i partecipanti sono molti e si tratta di un’esperienza davvero mozzafiato!

Giappone: pulizia super veloce

Il Giappone è forse uno dei paesi più strani e affascinanti che conosciamo, ha una storia vecchissima e molta filovia e cultura, che si trasmette nel modo in cui vivono i giapponesi, nell’oscurità tesso tempo come molte altre culture hanno moltissime punti deboli, e chi non li ha.

Ma più di noi sicuramente hanno il rispetto per l’uomo, si tratta di un popolo molto calmo e sereno, cortese e silenzioso, ordinato e pulito, oltre che davvero molto organizzato.

In Giappone sembra essere tutto armoniosamente incastrato, e così funziona, sono spaventosamente organizzati, l’ultima che ho sentito riguarda la velocità con la quale riescono a pulire i treni, sembrerebbe che ai giapponesi bastino solo 7 minuti per ripulire un treno intero, ed in maniera impeccabile, è tutto sta dietro una semplice idea: meglio tante persone per poco tempo che poche persone tutto il giorno. Perché a detta dei giapponesi pochi dipendenti anche se assunti per una giornata non riuscirebbero a compiere un lavoro così perfetto, mentre tanti mane sincronizzate nello stesso tempo, aiuterebbero a fare dei veri e propri miracoli.

Si tratta oltretutto di treni davvero veloci, che raggiungono i 200km orari senza problemi, e il tutto si conclude in soli pochi minuti, il viaggio altrettanto veloce, per cui si tratta davvero di una organizzazione che a noi italiani in particolar modo ci lascia davvero molto sorpresi e forse anche un po’ invidiosi, e che usa i trasporti italiani, dovrebbe sapere a cosa mi riferisco.